Nic’s corner

FROM THE STARS TO THE MIND

Science letter and art forum

FROM THE STARS TO MIND

False Certezze   ISBN  978-88-91015-93-8  www.ilmiolibro.it

Aumento incontrollato delle nascite; fame, sete e povertà; disboscamento, cambiamento climatico, effetto serra ed inquinamento di terra ed aria, mari ed oceani, fiumi e laghi; energia tradizionale ed alternativa; allevamenti intensivi, vivisezione e sperimentazione animale; alimentazione, soprappeso ed obesità; farmaci, droghe illecite e lecite, alcol, fumo e paradisi artificiali; vita, morte e cicli biologici...

                                                                     A questi ed altri temi brucianti del nostro tempo, troverete una risposta esauriente    
                                                                     od un’interpretazione accattivante: scoprendo, inoltre, che tutti i fatti del mondo 
                                                                     sono collegati tra loro da un filo nascosto, che li tiene assieme, come se fossero 
                                                                                                       perle in una preziosa collana. 

                                                                   La bellezza è armonia il degrado é disarmonia, amava affermare Lorentz. 
                                                                   L’armonia della natura ha modellato le nostre culture, finché un crescente
                                                                  degrado ambientale e morale,
maturato nella società dei consumi, non portò a 
                                                                   stili di vita aberranti
ed al dilagare di farmaci, droga e violenza, rovinando un 
                                                                                      collaudato rapporto uomo/ animale/ ambiente / natura.

                                                                  La demenza senile e la malattia d’Alzheimer galoppano a briglia sciolta, mentre
                                                                  illustri scienziati rincorrono, inconsci, vecchi miraggi: prolungare la vita oltre 
                                                                                    ogni misura, trovare e sfruttare un’energia rinnovabile, 
                                                                    che garantirebbe il dominio del mondo; pietra filosofale del terzo millennio. 





 
«False certezze»
Un’opera di divulgazione su temi di grande attualità

Per saperne di più su:
esplosione demografica; disboscamento, clima, effetto
serra, inquinamento ed energie alternative; fame, sete
e povertà; sperimentazione animale, vivisezione ed
allevamenti intensivi; farmaci, droghe illecite e lecite,
alcol e fumo, paradisi artificiali; obesità ed alimentazione;
vita, morte e cicli biologici.

www.ilmiolibro.it
(anche presso Librerie Feltrinelli)


La fame nel mondo

           “Il programma alimentare mondiale (PAM), attualmente in fase di stanca, 

 potrebbe subire una svolta ed iniziare una decisiva ripresa, se si riuscirà a

parlare alle coscienze; a farsi ascoltare e comprendere da strati più vasti della popolazione,

fino a mobilitare tutte le attività umane, cominciando dalla stampa.”

Così si rivolgeva al mondo, Jean Ziegler, Relatore speciale dell'ONU, www.presseurop.eu

citando la poesia Viandante di Antonio Machado e recitando un verso oramai famoso:

La via si fa con l’andare
www.ilmiolibro.it

 

<La via si fa con l’andare - Una piccola antologia > 

                                                                                                                               ISBN 9788891002129

                                                é stato acquisito dalla BIBLIOTECA NAZIONALE SVIZZERA – BNS
                                                                      ed inserito nella collezione federale Libro  Svizzero

                                                                                      www.helveticat.com  

                     




<...Racconti e storielle, fatti ed esperienze, vissuti in prima persona; cose, luoghi e personaggi incontrati in varie contrade vicine e lontane...>:

                così l’autore, Bruno Nicolaus, introduce e caratterizza la sua antologia (“una piccola antologia”) dal titolo La via si fa con l’andare, come  
                dice un verso del poeta Antonio Machado nella poesia Viandante. E riaffiorano i ricordi come in un caleidoscopio sempre vivo e palpitante, 
                 sempre ricco di spunti e di momenti colti qua e là nel corso degli anni, nel continuo moto attraverso terre nuove o rivisitate.  
                Ora é un personaggio che richiama l’attenzione, ora é un luogo che viene visto in un divenire storico, ora sono esperienze dirette che si  
               presentano in tutta la loro vivacità. Non manca una presenza significativa dell’isola d’Ischia, l’isola vista sia nella sua realtà attuale d’incanto 
                                              paesaggistico, sia nelle sue vicende legate al mito e ai suoi primi frequentatori di provenienza greca. 
               < Una selezione...come un prato in primavera o la tavolozza di un pittore, in cui chiunque può trovare un messaggio particolare che lo  
                                                                                           soddisfi e ne gratifichi alla fine la lettura >.


Da: Raffaele Castagna (Rassegna d’Ischia XXXII N.5 Settembre 2011, pag. 29-30) www.larassegnadischia.it


 IL DELIRIO DELLA DIMENSIONE

            da  < FALSE CERTEZZE > 

                                                                                                www.ilmiolibro.it


                                                                                                          La scrittura uccide la memoria e rende ignoranti, concludeva Platone,  
                                                                                              illustrando questo paradosso con l’aiuto di una parabola, mirabilmente descritta in Fedro...


< La via si fa con l’andare – Una piccola antologia >

 


 

Libro di narrativa, II ediz. 2011, ISBN 9788891002129

www.ilmiolibro.it

Una piccola antologia di cose visi e costumi vicini e lontani;di storielle ricordi e ritratti marini e montani;
di sogni e fantasie,oltre ad argomenti tra i più disparati. 
Una raccolta di racconti e storielle,di fatti ed esperienze vissute in prima persona;
di cose luoghi e personaggi incontrati in varie contrade.
       Una selezione variopinta e disordinata,come un prato in primavera o la tavolozza di un pittore...
Questa piccola antologia é dedicata a chi ama l’oceano in burrasca o in bonaccia; 
a chi ama contemplare le cime innevate, mentre si tingono di rosso al tramonto.

 



      < Da sole le perle non fanno una collana, è il filo che conta >




                   Secondo un’antica leggenda, la perla nasce 
dalle lacrime di un’ostrica, frutto di dolore e sofferenza.
                Ogni perla ha un’anima propria, che la distingue da tutte le altre; nel suo seno alberga e nasconde
                   un’anima persa, quella di un marinaio tragicamente scomparso tra i flutti del mare in tempesta.
                 Le perle amano l’acqua, per questo motivo, l’elemento nel quale sono nate; preferiscono ombra
                   penombra o luci tenui e diffuse; esse amano il tepore della pelle giovane e fresca, mentre temono
                il sole rovente, il caldo e il deserto. Le perle hanno paura del contatto con pelli avvizzite e mani
           rugose; temono i graffi che potrebbero rovinare il loro morbido aspetto e provano orrore ed
  angoscia al cospetto di certe vecchie signore, al contatto con l’acidità del loro sudore,
nemico giurato del nobile pallore.

            Una collana di perle é qualcosa di più, di tante palline legate ad un filo, inquadrate e ordinate
come soldati; una collana di perle é fatta d’anime perse ed in pena, risvegliate
da un sonno tranquillo;
bruscamente strappate da  un morbido letto, dal riparo di un guscio sicuro..
Sono ombre risorte dal nulla, le perle; spettri evocati dal buio dell’oblio.
         Non esistono al mondo due identiche perle
, sosteneva un amico, con orientale saggezza:
                diamanti e brillanti, a piacimento tagliati e limati dall’uomo,
                  sono invece frammenti di roccia, senz’anima e vita”.



La Rassegna d’Ischia 4/2011 pp 34-37 www.larassegnadischia.it






                                                                                           < Quando la medicina diventa arma biochimica >

                                                                                Oggi, il farmaco é alla portata di tutti, medici e pazienti; anche di chi non si rende conto dei rischi: 
                                                                                 il farmaco é più potente di una volta ed è somministrato, su larghissima scala...
                                                                                Sono aumentati gli effetti indesiderati, mentre sono venuti alla ribalta patologie d’abuso od errato
                                                                                 impiego, definite come iatrogene. La corsa al farmaco, amplificata dai mass media, quale 
                                                                                rimedio per ogni malattia, ha coinvolto anche i falsi malanni; quelli causati da cattive abitudini 
                                                                                alimentari od errato stile di vita. Più che malati bisognosi di cure, oggi incontriamo comportamenti 
                                                                                bagliati, spesso sfruttati da operatori spregiudicati.

                                                                                          www.dodicimagazine.com                                     




ACCADEMIA PONTANIANA, NAPOLI, 25 GIUGNO 2009
Lettura del Socio ordinario non residente
Bruno J.R.Nicolaus

< Farmaci, droga e paradisi artificiali dalla civiltà mediterranea ad oggi >

Farmaci e droga non sono sinonimi. Non tutti i farmaci sono droghe, non tutte le
droghe sono farmaci. Perchè abbinare, allora, i due concetti?
Perchè hanno in comune una radice essenziale, non solo etimologica.
Nell’antichità, oltre che medicina, farmakon significava veleno:
Una sostanza, che può salvare la vita, ma può anche donare la morte.
I farmaci possono salvare talvolta la vita; le droghe portano a morte, prima o poi.
La droga non é un frutto, un’invenzione o una scoperta dell’era moderna; l’uso di
sostanze stupefacenti era ben noto fin dall’antichità. Sedare il dolore, migliorare
l’umore, affinare la mente, influenzare prestazioni e comportamenti, tramite
l’impiego di sostanze naturali o artificiali, fa parte di una prassi antica quanto l’uomo,
seppure spesso ristretta a pochi iniziati. L’attuale e crescente disponibilità di droghe
sempre più attive e di nuove modalità di somministrazione, non ha invece precedenti
di sorta. Nell’ambito di un’analisi storica, sono analizzate e discusse le implicazioni
biochimiche delle droghe più in voga e relative dipendenze.

< Aus dem Tagebuch eines ehemaligen Assistenten von Prof. Paul Karrer, am Chemischem Institut der Universität Zürich >

 

  

An der Rämistrasse, gab es einmal und es existiert heute noch ein altes Gebäude.. Einen Katzensprung vom Hauptgebäude entfernt und hinter einer ernsten Fassade versteckt, während über 150 Jahren beherbergte dieses Gebäude das Chemische Institut der Universität. Vieles wurde über die Geschichte dieser weltberühmten Stätte und über die einheimischen oder ausländischen Studenten, Wissenschaftler und Dozenten berichtet, welche an diesem Ort prächtige Seiten der  Chemie geschrieben haben...

< Pestilenza chimica e paradisi artificiali nella civiltà mediterranea, ieri ed oggi >

 

   < Nel corso dell’evoluzione, l’uomo é sopravvissuto alla mutevolezza dell’ambiente, a terremoti e maremoti, inondazioni, siccità e glaciazioni, carestie ed eruzioni vulcaniche, impatti con asteroidi, catastrofi ecologiche, pestilenze ed altre calamità naturali, riuscendo a adattarsi a nuovi equilibri patocenetici. Nel corso degli ultimi millenni, la “salute” del pianeta é peggiorata sotto vari aspetti, così che noi ci troviamo, a dover fronteggiare una nuova e complessa “pestilenza chimica”, fatta di molecole patogene e radicali liberi, di farmaci, droghe e radiazioni. Una miscela letale, in grado di aggredire ogni organismo e, di preferenza, quelli anziani più vulnerabili. Tra i vari organi, bersaglio di quest’aggressione quotidiana, maggior preoccupazione desta il cervello, il quale, per struttura e funzionalità, è più sensibile agli agenti chimici esterni. All’azione nefasta di questi, si aggiunge l’uso indiscriminato di droghe lecite ed illecite, molte delle quali possono causare danni funzionali e strutturali non reversibili (paradisi artificiali).>


 < Paradisi artificiali, farmaci e droga, ieri ed oggi >

 < La droga non é un frutto, un’invenzione o una scoperta dell’era moderna; l’uso di sostanze stupefacenti era ben noto fin dall’antichità. Sedare il dolore, migliorare l’umore, affinare la mente, influenzare prestazioni e comportamenti, tramite l’impiego di sostanze naturali o artificiali, fa parte di una prassi antica quanto l’uomo, seppure spesso ristretta a pochi iniziati.

 E’ l’attuale e crescente disponibilità di droghe, che non ha precedenti di sorta.>


 <Victor, l’ultimo turista >

  «Pardon me, are you an actor?» «Mi scusi, ma Lei è un attore?», domandò sorridendo una bionda signora. «Yes, of course, I am an actor!» «Ma certo che sono un attore!», rispose garbatamente ma con piglio deciso un disinvolto signore, in un inglese perfetto e melodioso.Un po’ sorpreso per l’approccio

diretto, molto «straight» direbbero a Londra, visibilmente compiaciuto per l’essere stato riconosciuto..

 < Quasi come sfogliando un recondito archivio, pagina dopo pagina.. >

 

  

< Poco alla volta, tornano lentamente alla luce i segreti di un lontano passato. Segreti tenuti nascosti, da svariati millenni nel grembo di laghi, laghetti ed antiche torbiere, sotto i suoli di vallate neglette, a ridosso d’alte cime innevate.Esaminando i fondali, carotando, analizzando e classificando sedimenti e detriti,riaffiorano, inaspettatamente, le tracce della vita di un tempo, quasi come sfogliando,pagina dopo pagina, un recondito archivio.>


Le nubi nere interstellari, culla della vita nell’universo ?

Durante gli ultimi cinquant’anni, la visione dell’universo ha subito cambiamenti più
che drastici. Da Tolomeo e dagli antichi egizi avevamo ereditato il quadro
rassicurante di un mondo placido, bucolico, con al centro una terra tranquilla, baciata
dal sole e venerata dagli altri pianeti. Copernico ci ha brutalmente risvegliati da
questa visione idilliaca durata millenni e la terra è stata di colpo costretta a correre a
perdifiato attorno al sole e con esso su e giù per l’universo.Oggi abbiamo compiuto
un salto ulteriore verso un cosmo nevrotico, verso un universo che tende alla
dispersione o alla regressione infinita, frutto improvviso di una catastrofe immane dal
nome mostruoso: Big Bang . . . .

 

< A CRITICAL REVIEW OF THE FUNCTION OF NEUROMELANIN AND AN ATTEMPT TO PROVIDE A UNIFIED THEORY>

                                                 Bruno J.R. Nicolaus, PhD[1][2]: 

                   ABSTRACT from:

                Medical Hypotheses (2005) 65, 791-796; http://intl.elsevierhealth.com/journals/mehy

 

This paper  provides a critical review of the numerous and various biological functions so far attributed to neuromelanin and an attempt to provide a unified theory based on the peculiar physical and chemical properties of the black particle (the neuromelanin cage).

 

< TRE SECOLI DI SANGUE E DI GLORIA >

                       I REGGIMENTI SVIZZERI IN SERVIZIO ALL’ESTERO: RIFLESSI POLITICO-CULTURALI

                       DELLA LORO ATTIVITA’ RILETTI IN CHIAVE MODERNA

                                                    Bruno J. R. Nicolaus[1]

                                                                 <<Les meilleures troupes, celles en qui vous

                                                                 pouvez avoir le plus de confiance,ce sont les Suisses.

                                                                 Elles sont braves et fidèles.

                                                                 Napoléon >>

E’ nel lontano 1496, che Carlo VIII  di Francia affidò la propria sicurezza personale ad un gruppo di soldati svizzeri di élite, denominato i  <Cent hommes de guerre suisses >.

Questa compagnia, formata da cento soldati, sempre schierati nelle immediate vicinanze del Re, rappresenta il primo nucleo militare svizzero in servizio permanente presso i Re di Francia, con un  compito specifico: salvaguardare la persona del Re e garantire la sicurezza all’interno del palazzo reale, dove un gruppo di  soldati stava di guardia ai sigilli reali ed al tesoro della Corona, ininterrottamente di giorno e di notte.

 

 

< FROM BUTTERFLIES TO PSYCHOTROPICS A CHEMICAL ODYSSEY>

  Bruno  J.R. Nicolaus      

            With the kind permission of the International College of Neuropsychopharmacology, CINP, partially      reproduced from: <Reflections on Twentieth- Century Psychopharmacology>,    Edits. Thomas A. Ban, David Healy and Edward Shorter; Vol.4 of the series <The History of   Psychopharmacology and the CINP, as Told in Autobiography>, Publ. Animula Publishing House, Budapest, 2004, pp. 250-253. 

 

...Chemistry, besides being science and art, is a good key for understanding  many of the mysteries of life and a thin chemical thread binds the elements of nature in a  wonderful net, from the very distant stars up to the mind… the colour of pteridins shifts from white to blue by chemical manipulation…colour and biological activity might be related, displaying important roles in nature... Neuromelanin,  occurs in different settings depending on its biological precursor… the bioelectrical properties of  neuromelanin  regulating the loco motor system… those people, hit by a sudden irrepressible urge to commit homicidal violence, Amokläufers, suffer from a molecular disease , with altered cerebral neurochemistry…  suicide is  a pathologic event  and, at the molecular level, it is a casual metabolic error, triggered by LETRA, an aberrant metabolite of catecholamines with hallucinogenic properties, originated in the brain through oxidative  radical aggression… we shall be faced with <NEW ATYPICAL DEMENTIAS> (NAD), with behavioural changes resulting from  environmental changes, i.e. the combined action on the brain of  pathogenic molecules, new free radical species  and longer lifetime exposure to radiation… 3-hydrazinopyridazines with enhanced vasodilating and antihypertensive activity developed and marketed ( Cadralazine, Cadraten )… oxygenated 2-pyrrolidinones (cyclic derivatives of GABOB), led to the development of the nootropic Oxiracetam, Neuromet

- - -

 

 

     


 

    < A PROTESTANT SWISS COMMANDER-IN-CHIEF AT THE VERY OBSERVANT

    CATHOLIC COURT OF THE KINGDOM OF NAPLES AND BOTH SICILY > (*)

   

    < UN GENERALISSIMO SVIZZ ERO PROTESTANTE ALLA

    CATTOLICISSIMA CORTE DEL REGNO DELLE DUE SICILIE > (*)

 

    < EIN REFORMIERTER SCHWEIZER KOMMANDANT AM STRENG KATHOLISCHEN

    HOF VOM KOENIGREICH BEIDER SIZILIEN > (*)  

 

 

Polvere di stelle : la cosmologia in chiave poetica

(Stardust : a poetical approach to cosmology)

       

 

Globalisation – a biological and cultural challenge

       

Globalisation is an anti-entropic process peculiar to living organisms, and right now it is promoting the expansion of living matter all over the planet.  Increased organization and complexity, with a concomitant decrease in entropy, is the ruling mechanism of this process, which is increasingly taking on the characteristics of a universal biological law.    In prehistoric times globalisation made itself felt in the domains of “culture”, and was in fact instrumental in the evolution of homo sapiens.     Violation of biological and cultural niches (ecosystems) by humans has led to various past and present epidemics – plague, AIDS, Ebola, BSE, etc. – and could well cause further harm in the future.   In some circumstances globalisation can induce opposite reactions, varying in their violence and duration (antiglobal movements).   Their very nature needs to be reconsidered in the light of the law of complexity.   Globalisation and the law of complexity are universal in dimension, and are likely to regulate not only the planetary but even the cosmic expansion of life.

 

 

 

From the stars to the mind

                                                   

The nucleosynthesis of chemical elements in  the stars is described as an antientropic  process, fulfilled at cost of the strong increase of cosmic entropy  produced by stellar irradiation. It is  stressed,  how the chemistry of carbon, the main component of living matter, started in the carbonaceous stars with formation of various hydrocarbons, among which, acetylene. This highly reactive compound polymerised, forming linear cyclic and heterocyclic  products, which were subsequently erupted in the interstellar medium. Because of their peculiar chemical optical and electrical properties, two main functions were attributed to these materials, which are among the most common in space:  from one side accumulating chemical energy, from the other side storing the three key elements: carbon, hydrogen and nitrogen.  It was also stressed  how the  biogenous  molecules were synthesized in the interstellar grains starting from these polymers, with the aid of light. The second phase of this spatial and planetary process is characterized by a tendency to decreasing local entropy which is kept, on its turn,  by the increase of planetary entropy and by solar irradiation. This adventurous trip, from the Big Bang till the human brain across various theories and hypothesis, shows how exceptional is  <<life>>  within the global universe economy and how wonderful is  <<conscience>>  within the economy of life itself. Living matter is aimed at expanding abroad as much as possible, protecting its own genoma by means of a complex digital system, whereby the birth of  manifold  organisms  in such a short time makes evolution less casual. Life and human conscience are opposing a steady growth of  organisation and information against the global increase of cosmic entropy. In some way, we are going  to find  in the human brain,  what matter lost at cosmic level: an admirable virtual  reversed  image of our surrounding.

 
 

 

Nic's corner - from the stars to the mind
>> LINKS >> info@brunonic.org

Visitor Counter :

Revised : Jul, 2012
>> HOME  >>